Anche se cominciano ad arrivare le prime giornate di sole, non dobbiamo crearci delle facili illusioni: l’inverno non è ancora finito. Gli sbalzi termici tipici del periodo a cui andiamo incontro, sono pericolosi quanto, se non di più, i lunghi freddi costanti dell’inverno. Anche se in questo periodo le giornate possono cominciare con il sole, e di conseguenza con delle temperature piuttosto alte, non dobbiamo pensare che il caldo sia arrivato, e spesso ci ritroviamo ad avere degli sbalzi termici di dieci o anche quindici gradi nel corso di una sola giornata. Inutile dire che queste condizioni sono le peggiori per la salute di tutti, in particolare per quella delle persone anziane, che sono più sensibili ai bruschi cali di temperatura a causa del sistema immunitario più debole o di alcune patologie tipiche della terza età.

Cosa fare quando si esce di casa?

Quando usciamo di casa, di solito guardiamo dalla finestra per farci un’idea di quello che ci aspetta una volta arrivati in strada. Basta la calda luce del sole, che illumina il vicinato e si riflette sui vetri delle macchine, per farci credere che sia arrivata la primavera e farci uscire vestiti leggeri. Se una persona giovane può facilmente resistere ad una temperatura più bassa del previsto, un anziano potrebbe accusare il colpo e ammalarsi, nel migliore dei casi, di un fastidioso raffreddore che poi può diventare bronchite o addirittura polmonite. Quando si esce di casa, in questo periodo, è bene pensare al tempo in cui si rimarrà fuori, e agli ambienti che si frequenteranno. Se è vero che sudare a causa di un vestiario troppo pesante non è una buona idea, nemmeno uscire vestiti troppo leggeri porta dei grossi vantaggi. La soluzione migliore è quella di vestirsi a strati, con degli indumenti più leggeri sotto e più pesanti sopra. In questo modo all’occorrenza si può modificare il proprio abbigliamento ed adeguarlo alle temperature che si trovano man mano che si va avanti con la giornata.

Ricordatevi anche di portarvi un ombrello se ci sono previsioni di pioggia, perché uscire bagnati con il freddo è il modo migliore per ammalarsi e dare via libera a virus e batteri che infettano le nostre vie respiratorie.

Devo avere accorgimenti nella dieta?

Un anziano spesso non ha la giusta consapevolezza delle sostanze che introduce nel proprio corpo e delle sostanze di cui ha bisogno. Detto in termini più semplici, una persona anziana deve bere più di quanto ne senta il bisogno, e spesso deve introdurre più vitamine di quante ne introduca. Per ovviare a questo inconveniente, è buona norma bere almeno un bottiglia d’acqua al giorno, magari riempendola alla mattina e avendo cura di berla tutta entro la fine della giornata. Anche mangiare frutta e verdura di stagione rappresenta un valido aiuto per le difese immunitarie delle persone anziane. Controllate di avere sempre a disposizione arance e mandarini, ricchi di vitamina c, ma anche kiwi, cavoli, verze e radicchio. In questa stagione sono tanti i prodotti naturali che troviamo in supermercato o al negozio di frutta che possono dare un valido aiuto al nostro sistema immunitario, soprattutto se è un po’ provato dall’età.

Come comportarsi dentro le mura di casa?

L’ambiente in cui si vive è una variabile molto importante per quanto riguarda il livello della nostra salute. Alcuni parametri come temperatura e umidità, sono basilari per permettere all’organismo di lavorare al meglio ed essere pronto ad eventuali attacchi dovuti alla temperatura o ad agenti esterni come virus e batteri.

Le persone anziane spesso non si accorgono che la temperatura in cui vivono è troppo alta o troppo bassa, e soprattutto non si accorgono se abitano in un ambiente troppo secco. È buona norma tenere sempre sotto controllo in termostato per rendersi conto della temperatura interna. Vivere con 18-20 gradi è il modo migliore per restar in salute.

Anche l’umidità è importante, e sarebbe sempre il caso di utilizzare degli umidificatori per impedire all’ambiente di diventare troppo secco.

Se sei una persona anziana o sei giovane ma hai un parente nella terza età, ricordati di tenere sotto controllo temperatura e umidità, ti renderai conto del giovamento che questi semplici accorgimenti porteranno a te o alle persone care.

Come fare con le medicine?

medicine e anziani

Le persone anziane tendono ad assumere più medicinali di chi è più giovane. A volte a causa di una patologia pregressa, o a causa dei malanni dovuti all’età, è normale comunque che un anziano assuma uno o più pastiglie al giorno. Se da un lato le medicine fanno bene e a volte sono indispensabili, da un altro lato si sa che esistono sempre delle controindicazioni. Troppi medicinali possono indebolire il fisico e, anche se aiutano da un lato, possono creare dei problemi da un altro punto di vista. È bene quindi non abusare mai dei farmaci e seguire sempre le indicazioni del medico. Mai assumere medicine con troppa facilità. Anche se confezioni dall’aspetto innocuo possono farci pensare che alcune medicine non facciano male, è bene tenere conto che ogni farmaco ha delle controindicazioni, e quindi è sempre meglio evitare di assumerne se non quelli prescritti dal nostro dottore.

E il vaccino per l’influenza?

Il vaccino per l’influenza, consigliato soprattutto alle fasce della popolazione più deboli come gli anziani e i bambini, è molto utile e spesso previene la malattia e le complicazioni che potrebbero essere molto serie. Fatevi sempre consigliare dal medico quando è il giusto periodo per vaccinarvi, e se il suo parare è positivo, il nostro consiglio è quello di fare il vaccino. In questo modo si attiverà uno scudo contro l’influenza e si eviteranno delle complicazioni che, soprattutto nelle persone anziane possono essere molto serie e portare a patologie ben più gravi di un semplice malanno di stagione.

vaccino influenza

Abbiamo visto che quindi non è il caso di farci prendere troppo dall’entusiasmo se vediamo il sole che splende fuori dalla nostra finestra: l’inverno non è ancora passato e il freddo si fa sentire, magari non sempre, ma solo in alcune parti della giornata. Se sei una persona anziana e sai che il tuo fisico è più debole di quello di un ventenne, allora segui i nostri consigli e vedrai che potrai evitare gli ultimi, ma non per questo meno fastidiosi, malanni di stagione.