La poltrona per anziani è un oggetto di arredamento che serve ad aumentare il comfort di seduta delle persone, ma è anche un ausilio indispensabile se parliamo di persone con difficoltà motoria. Negli ultimi anni si è assistita ad una vera e propria esplosione di questa tipologia di poltrone, tanto che ormai se ne contano decine di modelli, adatti a tutti gli usi e a tutte le categorie di persone. Se i modelli in commercio sono tanti, può sembrare altrettanto complicato districarsi tra le funzioni, le caratteristiche e i meccanismi che differenziano le varie poltrone. In realtà, se si hanno le idee chiare, è più facile di quanto possa sembrare scegliere la poltrona giusta per le proprie esigenze. Con questo articolo vogliamo dare delle indicazioni, semplici ed efficaci, per aiutare le persone a scegliere la poltrona relax più adatta a loro, spendendo il giusto e ottenendo i massimi risultati per quanto riguarda il rapporto qualità prezzo.

Perché acquistare una poltrona relax per anziani?

Le poltrone relax sono delle poltrone in apparenza simili a quelle che troviamo ogni giorno nella casa di tutti. La differenza sostanziale sta nel fatto che questa tipologia di poltrone contiene un meccanismo, che può essere elettrico o manuale, che permette di effettuare alcune regolazioni, nell’inclinazione dello schienale e della pediera, e nei modelli alza persona, permette anche alla poltrona di elevarsi per aiutare i disabili a sedersi o alzarsi in totale autonomia. Per acquistare il giusto modello bisogna quindi partire dai propri bisogni e capire cosa ci spinge verso la ricerca di questa tipologia di poltrone.

poltrona per anziani

A cosa mi serve la poltrona per anziani?

Il movimento della poltrona, sia dello schienale, che della pediera, che l’alzapersona, sono progettati per degli scopi ben precisi. Regolare la seduta, in modo da renderla confortevole o adatta alle nostre esigenze posturali, è un modo rivoluzionario di vivere il relax casalingo. Se una persona deve passare molto tempo seduto in poltrona, è necessario per lui riuscire a modulare l’angolo di seduta in modo da impattare meno possibile sui muscoli e sulle articolazioni. Quello che a prima vista può sembrare un semplice vezzo di comodità, in realtà è un modo per preservare al meglio il nostro corpo e evitare infiammazioni o disturbi alla spina dorsale, i fianchi, le braccia e le gambe. Chi acquista una poltrona reclinabile trova subito un grosso sollievo e riscopre, in poco tempo, il piacere di rimanere seduto a guardare la tv o parlare con i propri cari. Per questo tipo di regolazioni, si possono avere diverse tipologie di poltrone, a partire da quelle manuali, per finire a quelle elettriche, a uno o due motori.

Se l’utente invece ha bisogno di un sostegno per alzarsi e sedersi, allora bisogna per forza indirizzarsi verso le poltrone con sistema lift alzapersona. Grazie ai motori elettrici, questi veri e propri ausili per anziani e per disabili, si alzano ed accompagnano l’utente fino alla posizione eretta. Inutile spiegare che con l’aiuto di una poltrona lift elettrica, un anziano avrà la possibilità di recuperare l’indipendenza nei semplici movimenti quotidiani e di conseguenza migliorare la qualità della sua vita e delle persone che gli stanno vicine.

poltrona per anziani

Poltrona relax ad uno o due motori?

Le poltrone per anziani elettriche che troviamo in commercio di solito si differenziano tra quelle ad un motore e quelle a due motori. Esistono anche versioni a tre o quattro motori, ma nella maggior parte dei casi vi troverete a scegliere tra meccanismi azionati da uno o due motori elettrici. Appena arrivati nella scheda prodotto di un e-commerce, oppure appena entrati in un negozio fisico, vi sembrerà strana questa caratteristica che tutti vi chiederanno di scegliere, o flaggare nel caso di un negozio on line. Le differenze tra i due tipi di poltrone sono principalmente la regolazione indipendente dello schienale e della pediera. Le poltrone con un motore di solito hanno il cosiddetto movimento sincronizzato, cioè quando azioniamo il telecomando, si alza primi la pediera a poi si reclina lo schienale. Questo tipo di poltrona va benissimo se l’utilizzatore, anziano disabile o semplicemente utente in cerca di relax, non ha bisogni posturali specifici. Se una persona non necessita, per qualsiasi motivo, di mantenere una precisa inclinazione dello schienale e della pediera, la poltrona ad un motore va più che bene. Se invece si sente il bisogno di avere il completo controllo sulla posizione di seduta, allora bisogna scegliere una poltrona a due motori. Grazie a questi meccanismi infatti è possibile regolare lo schienale e la pediera in maniera del tutto indipendente. Per fare un esempio è possibile reclinare lo schienale e mantenere la pediera in posizione normale, cosa impossibile da fare con le poltrone ad un motore. D’altro canto ci sentiamo di consigliare una poltrona ad un motore per il fatto che il telecomando è più semplice, e quindi se l’anziano o il disabile dovesse avere problemi con la regolazione, le poltrone ad un motore, che di solito hanno un solo pulsante, sono più immediate nella comprensione di utilizzo.

Altre caratteristiche ( rotelle, rivestimenti ecc.)

Le poltrone relax di solito montano di serie delle rotelle nella parte posteriore per poterle spostare comodamente all’interno della casa semplicemente inclinando la poltrona all’indietro. Questo tipo di ruote però non sono in grado di sopportare il peso di una persona. Se si ha la necessità di trasportare l’utente seduto in poltrona, allora bisogna optare per quello che alcuni produttori chiamano roller sistem, o più semplicemente carrello. Questo meccanismo, che si solito scende con un comando posto sullo schienale, è comodo perché in pratica trasforma la poltrona in una carrozzina da utilizzare all’interno dell’abitazione.

roller

Un’altra caratteristica che di sicuro vi troverete a dover tenere in considerazione al momento dell’acquisto è il rivestimento. Al giorno d’oggi esistono tantissimi tessuti, idrorepellenti, antimacchia, microfibra, da affiancare alla classica pelle o ecopelle. Per la scelta del tessuto è bene tenere in considerazione il tempo che la persona dovrà passare in poltrona, ed anche l’arredamento della casa in cui bisognerà inserirla. Se dobbiamo mettere una poltrona relax in soggiorno, perché non mettere qualcosa che sia anche un elemento di arredo piacevole?

Agevolazioni e certificazione presidio medico

Le poltrone alzapersona sono degli ausili medici per disabili e di conseguenza possono avere agevolazioni fiscali per permetterne l’acquisto ad un prezzo minore. Se l’utente dimostra di avere una disabilità di tipo motorio, il negoziante potrà far pagare l’iva al 4% e non al 22%. Questa variazione di prezzo va a tutto vantaggio dell’utente che si vedrà scontare l’importo con cifre spesso molto interessanti.

Alcuni produttori offrono anche la certificazione di presidio medico. Queste tipologie di poltrone sono certificate dal servizio sanitario, e il loro importo, nella quantità del 19%, può essere dedotto dalle tasse nella dichiarazione dei redditi.